Blog moto Foto moto Link moto
martedì 21 novembre 2017
il motore di ricerca dei motociclisti!
 Moto-Links Home MotoLinks
Aggiungi link moto
rss blog
categorie categorie
accessori (2)
custom (32)
eventi (16)
fiere (32)
gare (32)
moto (13)
moto2 (2)
motoGP (46)
notizie (34)
novità (14)
offroad (3)
reportage (1)
superbike (2)
 
 
entra nella
community!
di Moto-links!
 
  utenti online: 93
 
motoraduni ed eventi:
 
 siti top:
 
 ultimi links inseriti:
 
 
 





< Categorie   < Blog News   
= link attivo
 



Thumbnails by Thumbshots
 

Inazuma in giapponese vuol dire fulmine. Un luogo da visitare per il gusto delle cafe racers della bella meccanica classica e delle belle immagini.

tag relativi
 

10 million

In case you haven't noticed, Inazuma Cafe scored 10,000,000 views (and counting...) Thank you readers!


Italian Dream Motorcycle - Reggio Emilia, Italy


R100 Tracker

1978 BMW R100/7 Custom Tracker 

















https://www.ebay.com/itm/1978-BMW-R-Series/322891105980?hash=item4b2dcf46bc:g:HloAAOSw4PxaBULj&vxp=mtr  Ebay find in USA


Weiße Königin

"Die Weiße Königin" BMW R100: The White Princess by Giuseppe Di Stefano for the lucky customer Giorgio Mangiapia

















Inazumized photos by Mario Titone 
https://www.facebook.com/MotoDesignCustomsNapoli/
Moto Design Customs - Agnano (Naples), Italy


The Unbreakable

The Espiat's new XJR 1300
Another unbreakable Yamaha XJR's found its way to Daniel’s garage. The Motorcycle dealer Hassemer asked him to build a new custom XJR. The only requirement for the project was to have colour scheme different from the usual Espiat’s total black. So the decision taken was to have an unexpected combination of black, gold and chrome. Then, Daniel chose something inspired by the street tracker style. Accordingly, a radical rear end and number plates on the handlebar on each side could be included in the design, fully in line with the Espiat’s way of ride. Daniel designed and implemented air scoops as cladding for the air filter box. The rear was made of GFK (fibreglass-reinforced plastic). The lamp mask also serves as a number plate and is a custom made part of fibre composite materials. The mufflers (that we can more appropriately call "sound amplifiers") fit excellently to the XJR. Daniel kept the original megaphone look of the mufflers and decided for open funnels. The cockpit was cleaned, a small analogue speedometer and a few signal lights are the necessary leftovers. In order to get the new tail, the frame had to be shortened while the rest of the framework remained completely stock. The taillight includes integrated turn signals and brake function and ensure a clean rear view. Forks received new progressive springs. The riding position is sporty but upright, thanks to the wide handlebar and the reduced weight, improving the handling of the big bike. 
Un'altra indistruttibile Yamaha XJR è arrivata al garage di Daniel. La concessionaria Hassemer gli ha chiesto di realizzare una nuova XJR custom. Unico requisito del nuovo progetto era di avere una livrea diversa dal solito total black di Espiat. Quindi la decisione presa è stata di avere una combinazione di nero, oro e cromo, non esattamente ciò che ti aspetteresti per una XJR, tantomeno da Espiat. Poi, Daniel si è lasciato ispirare dallo stile street tracker. Di conseguenza, la coda radicale e le tabelle porta numero sarebbero state mantenute, assolutamente in linea con le abitudini di Espiat. Daniel ha progettato e implementato prese d'aria come rivestimento per la scatola del filtro dell'aria. La parte posteriore era in GFK (plastica rinforzata con fibra di vetro). La maschera della lampada funge da tabella portanumero ed è una componente artigianale in composito. I silenziatori (che possiamo chiamare più appropriatamente "amplificatori audio") si adattano perfettamente all'XJR. Daniel ha mantenuto l'aspetto originale dei megafoni di serie e ha montato dei coni completamente aperti. Il cruscotto è stato pulito, un piccolo tachimetro analogico e le spie è ciò che è rimasto. Per ottenere la nuova coda, il telaio doveva essere accorciato mentre il resto della struttura è rimasta completamente di serie. La luce posteriore include indicatori di direzione integrati e stop e garantisce una vista posteriore pulita. La forcella ha ricevuto nuove molle progressive. La posizione di guida è sportiva ma eretta e, grazie all'ampio manubrio e al peso ridotto, migliora la maneggevolezza della bestiona. 











ESPIAT.com - Mecklenburg Vorpommern, East Germany


Brabham BT 23

1967 Brabham BT 23, Formula 2, Ford Cosworth FVA 1.6 lt, 220BHP, five speed, "space frame". 
Engine Racing Developments Ltd., regularly regarded as Brabham, was a British hustling auto producer and formula One dashing group. Established in 1960 by two Australians, driver Jack Brabham and creator Ron Tauranac, the group won four drivers’ and two constructor’ big showdowns in its 30-year Formula One history. Jack Brabham’s 1966 drivers’ title remains the main such accomplishment utilizing an auto bearing the driver’s own name. In the 1960s, Brabham was the planet’s biggest producer of open wheel hustling autos available to be purchased to client groups, and had manufactured more than 500 autos by 1970. Throughout this period, groups utilizing Brabham autos won titles as a part of Formula Two and Formula Three. Brabham autos additionally contended in the Indianapolis 500 and in Formula 5000 hustling. This particular car won 9 races out of 15 in the 1967 Formula 2 championship, driven by Jochen Rind.

















https://www.classic-trader.com/it/automobili/listing/brabham/formula-2/bt-23-racing-car/1967/110987


RT Custombikeumbau

BMW R 80 RT Custombikeumbau by Kradwandler















Kradwandler Custombikes by Dirk Spaniol - Hirzweiler, Germany


Z900RS Cafe
+
The new Z900RS Cafe - Factory special
Following the Z1 inspired Z900RS at the Tokyo Motor Show, Kawasaki targeted the EICMA show to debut the Z900RS CAFE. Taking the modern classic style of the successful Z900RS in a new and fashionable direction, this model sounds like a tribute to the 1972 Super Four Z1 with the added twist of a bold approach to colour and graphics plus a drop-style black finish handlebar. The low handlebar creates a sporty body position matched well by a bikini cowling and stylish seat complete with racer inspired rear hump. Making sound sense, the exhaust system is Kawasaki’s first tuned specifically for tone and fits the overall attention to detail of the Z900RS CAFE perfectly with its subtle brushed satin finish. Multi-spoke cast wheels give the appearance of traditional wire spoked items (so, why didn't they put proper spoke wire wheels?). As with the legendary Z1, the heart of the machine lays with its inline four engine (which, of coourse, in 2017 is liquid cooled), 111HP @8500 rpm. In the case of the Z900RS Cafe, the unit is equipped with KTRC traction control and an assist and slipper clutch. Contained in a lightweight tubular trellis frame and matched to 41mm inverted front forks and horizontal back link suspension, handling and performance are definitely contemporary. Lighting the way a distinctive LED headlamp is mated to a Z1 style elliptical LED rear unit while the traditional speedometer and rev counter assembly is complemented by a central LCD information panel covering the vital functions of this confident arrival on the modern classic scene. For the wealthiest of the Inazuma readers, the new Zed will be merely the starting point for further personalisation. Needless to say that, as many of the competitors in this field, Kawasaki will offer a wide range of accessories...
Dopo la Z900RS ispirata alla Z1, presentata al Salone di Tokyo, Kawasaki ha scelto l'EICMA per il debutto della versione cafe. Prendendo spunto dallo stile modern classic della graditissima Z900RS, questo modello modaiolo sembra voler omaggiare la Z1  Super Four del 1972 con l'aggiunta di  colori e grafica di impatto,  e un bel manubrio nero a piega bassa. Lo sport bar conferisce una posizione di guida più sportiva che ben si sposa con il sedile biposto e il codino superbike anni settanta. Volendo dare voce adeguata alla moto, Kawasaki ha per la prima volta studiato un sistema di scarico specifico per conferire un sound accattivante, e l'attenzione al dettaglio è sottolineata dalla sua finitura spazzolata. Le ruote in lega con le loro sottili razze vogliono richiamare il look delle classiche ruote a raggi (e allora, perchè non metterci proprio delle belle ruote a raggi?). Come per la leggendaria Z1, il cuore della macchina è il suo motore in quattro cilindri in linea (che, naturalmente, nel 2017 non può che essere raffreddato a liquido), 111cv a 8500 giri. Nel caso della Cafe, l'unità è dotata di controllo di trazione KTRC e di frizione antisaltellamento. Con il suo telaio tubolare in lega leggera, forcella capovolta da 41mm e monoshock orizzontale, la maneggevolezza e le prestazioni della 900RS sono sicuramente contemporanee. La strada è illuminata da un proiettore di forma tradizionale ma con luci a LED come peraltro la luce posteriore ellittica, in stile Z1. La strumentazione tradizionale con i due quadranti di tachimetro e contagiri è integrata da un pannello centrale LCD che riporta tutte le funzioni vitali di questa promettente modern classic. Per i più abbienti lettori dell'Inazuma, la nuova Zeta sarà solo il punto di partenza per ulteriori personalizzazioni. Va da se che, come molti dei concorrenti del settore, Kawasaki offrirà una vasta gamma di accessori... 













https://www.kawasaki.it/it/products



contenuti feed rss a cura di "Inazuma Cafe Racer"

Nessun commento presente




Inserisci un commento Inserisci un commento

Nome:

e-mail:

        (non verrà pubblicata)






Non è consentito inserire codice <html> nel commento: se vuoi segnalare un sito motociclistico, utilizza l'apposito modulo.


Nessuna recensione presente.

Sei il webmaster di "Inazuma Cafe Racer"? Vuoi ottenere più visite? Richiedi la recensione con immagini e descrizione dettagliata, utilizzando questo modulo: una vetrina presente su Moto Links, è lo strumento giusto per dar maggior visibilità al tuo sito!

Alcune foto dalla community: aggiungi le tue!

Gli ultimi articoli inseriti nel Blog:
Da Millepercento la naked italiana Scighera

Scighera è il nome dialettale della nebbiolina che ricopre i campi della Brianza alle prime ore del mattino. Uniforme, densa, leggera.

Jesolo Summer Festival 2014

Jesolo Summer Festival 2014Una miscela esplosiva quella che sta fermentando nel calderone di Jesolo Bike Summer Festival, edizione 2014.

Conclusa edizione 2013 del Motor Bike Expo

BikeExpo VR 2013Il brutto tempo di domenica non ha rovinato lo spettacolo andato in scena nelle aree esterne.

Il 2 marzo 2013 va in scena Passione Moto a Padova

Passione Moto PD 2013Il più grande mercato di moto usate, d’epoca e classiche del Veneto.

Da HD Italia nasce Sportster Iron 883 Special Edition

H-D Sportster Iron 883_SE13Arese, settembre 2012. Entrare nel mondo Harley-Davidson® è un po’ come aprire un fantastico libro delle favole. Sognare ad occhi aperti, lasciar correre la fantasia, liberare le emozioni.

 
Daniel accessori moto